Home Iniziative Attività Scuola Biblioteca Prodotti Chi siamo Buone Notizie

Per i diritti umani in Medio Oriente e Africa del Nord

Ci riuniamo IL GIOVEDI' ALLE 21,15

a

San Lazzaro di Savena (Bologna)

cell.: 388 8266150
gr182@amnesty.it


Saremo lieti di accoglierti, unisciti a noi!

(consigliamo sempre una telefonata per conferma)

Grazie

Sono centinaia di migliaia le persone che hanno ritrovato la libertà, hanno evitato l'esecuzione di una condanna a morte, hanno ottenuto asilo politico, hanno cessato di essere torturate grazie all'azione di Amnesty. Con le nostre denunce, la comunità internazionale ha preso coscienza, nel tempo, della diffusione di determinate forme di violazione dei diritti umani (come le sparizioni o gli omicidi delle squadre della morte) e delle sempre maggiori implicazioni derivanti, per la popolazione civile, dai conflitti armati.

"Per questo, detto in maniera più semplice, devo la mia libertà ad Amnesty Internatinal, a tutti coloro che in tanti paesi lavorano instancabilmente in difesa dei diritti umani, in difesa dei perseguitati in tutti gli angoli del pianeta. Grazie per la mia libertà e la libertà di tanti. Grazie per quella forza, per quella coerenza, per quella determinazione nella lotta, per quella generosità che esalta l'essere umano. E oggi, come faccio da vent'anni, ripeto quel "Grazie" nell'unico modo possibile: partecipando a tutte le azioni di Amnesty International, l'unica istituzione che vegli per la dignità umana, per il diritto fondamentale alla giustizia e per il dovere di coscienza di opporsi alle tirannie."

Luis Sepulveda


"Grazie Amnesty": clicca qui per leggere alcuni ringraziamenti da parte di persone che hanno subito violazioni dei diritti umani ed in favore delle quali AI ha emesso delle azioni urgenti.


La foto nella pagina iniziale si riferisce alla liberazione del generale Josè Gallardo, prigioniero di coscienza messicano, condannato a 28 mesi di carcere solo per aver denunciato le violazioni dei diritti umani all'interno delle forze armate del suo Paese. Amnesty ne ha chiesto per anni la liberazione, ottenendola nel 2002, con l'aiuto di tutti i suoi sostenitori. Durante la prigionia Josè Gallardo ha ricevuto 35.000 cartoline da ogni parte del mondo, Italia compresa.

 

Home I Iniziative I Attività I Scuola I Biblioteca I Prodotti I Chi siamo I Buone Notizie I Date
Amnesty San Lazzaro